AN POLIZIA DI STATO GRUPPO POLRADIO
AN POLIZIA DI STATO GRUPPO POLRADIO

i dati sulla qualità dell'aria sempre aggiornati 

facebook fiamme oro
facebook Polizia di Stato
facebook Questura di Milano
facebook Questura di Roma
facebook Questura di Venezia
facebook Questura di Belluno
Facebook Questura di Aosta
Facebook Questura di Varese
Gruppo Motociclisti Brixia Brescia
Gruppo Motociclisti ANPS Firenze
Gruppo Motociclisti ANPS Como
Gruppo Motociclisti ANPS Ravenna

 

 

radar centro meteo lombardo 

Contatti: 

 

Sezione Milano:

02.72095588

 

email Presidenza:

presidente@

anpsmilano.it

 

Gruppo Polradio:

02.56566892

 

email gruppo:

info@polradio.it

 

skype:

gruppopolradio. anpsmilano

 

whatsapp:

anpolizia.

polradio.

milano

 

twitter:

@gruppopolradio

 

 

L'A.N.P.S. - Associazione Nazionale della Polizia di Stato - è stata costituita ed eretta Ente morale con decreto del presidente della Repubblica n. 820 del 7 ottobre 1970 con la denominazione di Associazione nazionale delle guardie di Pubblica Sicurezza. Il 1° aprile 1981, con la riforma e l'applicazione della legge 121, prese la denominazione attuale. Gli associati, che volontariamente aderiscono all'Anps, sono i dipendenti in congedo e in servizio della Polizia di Stato, oltre agli altri soggetti previsti dall'articolo 4 dello Statuto (benemeriti e simpatizzanti). Il presidente onorario del sodalizio è il capo della Polizia - direttore generale della pubblica sicurezza. Sono soci onorari i vice capi della Polizia, i prefetti, i direttori interregionali e i questori in sede, le medaglie d'oro al valore militare, quelle al valore civile e i grandi invalidi della Polizia di Stato. Attualmente l'Anps sul territorio nazionale conta 160 sezioni, all'estero una (a Toronto in Canada), e 35 gruppi. Le finalità dell'associazione sono di alto livello morale e hanno anche lo scopo di mantenere vivo il legame di solidarietà tra il personale in congedo e quello in servizio. L'Anps è custode del Medagliere nazionale nella sede centrale che si trova a Roma, in via Statilia 30. Il Medagliere rappresenta il sacrificio e la dedizione al servizio di tanti operatori della Polizia di Stato che hanno immolato la loro vita per garantire il rispetto delle leggi dello Stato e per tutelare la sicurezza di tutti i cittadini della Nazione. Il loro sacrificio è sempre vivo e presente nell'opera quotidiana di tutti gli appartenenti alla Polizia. L'Anps è una grande famiglia che condivide il motto della Polizia di Stato "Vicini alla gente", protagonista di ieri e di oggi.
questo è il sito del Gruppo Polradio dell' Associazione Nazionale Polizia di Stato sezioni Mario De Benedittis Milano e III Reparto Mobile Milano . La finalità del Gruppo Polradio è quella di riunire soci sia simpatizzanti che effettivi in servizio o congedo che sono interessati al mondo delle radio telecomunicazioni. Per rendere possibile lo svolgimento della sua attività, il Gruppo si avvale dell'utilizzo di strutture dell' A.N. Polizia di Stato, e di proprie strutture radioelettriche. Presso la sezione ANPS del III Reparto Mobile di Milano in via Umberto Cagni al n°21 (sede operativa del Gruppo Polradio) è attiva una stazione del servizio di radioamatore. Questa è raggiungibile tramite la rete echolink numero nodo 591166 nominativo IW2ECM-R . Se sei interessato e vuoi avere info scrivi a: info@polradio.it oppure chiama il numero: 02.56566892

Attentato a Barcellona: 'Volevano distruggere Sagrada Familia'. Killer in fuga Un minuto di silenzio con migliaia in piazza per ricordare le vittime, poi le grida: 'Non ho paura'.(cortesia ANSA.IT) Clicca sul link: diretta Rai News 24 per gli aggiornamenti.

Nuovi colpi di scena nelle indagini sulla strage della Rambla, il cui probabile autore materiale, il marocchino Younes Abuyaaqoub, dato per morto ieri è invece tuttora in fuga, inseguito dalle polizie di Spagna e Francia. Secondo indiscrezioni degli inquirenti, il 'piano A' dei terroristi islamici era "far saltare in aria" la Sagrada Familia, simbolo di Barcellona, con "enormi quantità di esplosivo" Tatp, quello con cui l'Isis ha firmato le sue stragi in Europa. Si indaga su imam di Ripoll, c'è il sospetto che sia morto o scappato Nelle indagini è inoltre entrato di prepotenza come figura centrale un nuovo indagato, sospettato di aver svolto un ruolo chiave nelle stragi. E' Abdelbaki El Satty, l'imam di Ripoll, la tranquilla (fino a ieri) cittadina dei Pirenei di 10mila anime, al 10% di origine marocchina, da cui venivano quasi tutti i 12 presunti membri della cellula. La polizia ha perquisito per tre ore oggi il suo appartamento. E' sparito da martedì dopo aver detto al suo coinquilino che andava in Marocco in vacanza dalla moglie e dai figli. Gli inquirenti sospettano possa essere stato lui a indottrinare e dirigere i 'baby-terroristi' marocchini di Ripoll e che possa essere uno dei due terroristi morti nell'esplosione del covo della banda mercoledì notte ad Alcanar. Nella base operativa vicino a Tarragona, secondo gli investigatori, il gruppo preparava da mesi un grande attacco a Barcellona. Nell'appartamento dell'imam marocchino al 4 di Carrer Sant Pere la scientifica ha raccolto campioni biologici per compararne il Dna con quello dei resti umani trovati in mezzo alle macerie di Alcanar, accanto a tracce di Tatp ed a 106 bombole del gas con le quali i terroristi volevano rendere ancora più micidiale l'onda d'urto di tre furgoni bomba. Il 'piano A' che i jihadisti di Ripoll preparavano da mesi doveva essere ancora più sanguinoso e spettacolare. Fonti dell'inchiesta hanno detto a El Confidencial che l'obiettivo del gruppo era la Sagrada Familia, il celeberrimo capolavoro di Antoni Gaudì visitato ogni giorno da migliaia di turisti. Per questo dovevano preparare "enormi quantità di esplosivo" ad Alcanar per i tre furgoni che sarebbero stati usati per "fare saltare in aria" il tempio. Un atto che avrebbe provocato una probabile ecatombe e un'onda d'emozione enorme nel mondo. Ora la cellula, formata si ritiene da 12 persone, è praticamente distrutta. Cinque terroristi sono stati abbattuti dalla polizia a Cambrils, due sono morti nell'esplosione del covo di Alcanar, quattro persone sono in manette. Resta in fuga solo Abouyaaqoub, 22 anni, pure di Ripoll, che la polizia ora sospetta dopo varie indicazioni contraddittorie possa essere stato il killer della Rambla. E' attivamente ricercato in Spagna ma anche in Francia, nell'ipotesi sia riuscito a passare la frontiera dei Pirenei. Dopo averlo escluso troppo in fretta, gli inquirenti verificano ora se non possa essere stato lui, fuggendo dalla Rambla, a forzare in auto un posto di blocco sulla Meridiana giovedì sera e a fuggire di nuovo a piedi lasciando nella vettura - dopo averlo ucciso - il cadavere del proprietario. Mercoledì notte qualcosa è andato storto. Probabilmente il Tatp, noto per la sua alta instabilità, è stato manipolato male e il covo è esploso. La cellula ha così dovuto rinunciare "all'enorme attentato" che pianificava a Barcellona e ripiegare su soluzioni più 'artigianali' senza esplosivi sulla Rambla e a Cambrils, spezzando 14 vite umane e facendo 134 feriti. Tre gli italiani uccisi: oltre a Bruno Gulotta, 35 anni e Luca Russo, di 25, si è appreso oggi che anche Carmen Lopardo, 80 anni, da 60 in Argentina, è stata uccisa sulla Rambla. Il bimbo australiano di 7 anni di cui non si avevano notizie dall'attentato di Barcellona, Julian Cadman, è stato ritrovato sano e salvo. Lo riferisce El Mundo. Il piccolo è stato localizzato in un ospedale di Barcellona e il padre è in viaggio per raggiungerlo. La madre del piccolo, una filippina residente in Australia, era rimasta gravemente ferita nell'attacco sulle Rambla. Sulla distruzione o meno della cellula ci sono state oggi le prime scintille fra Barcellona e Madrid dopo l'unità nazionale proclamata dopo la strage della Rambla. Il ministro degli Interni spagnolo Juan Manuel Zoido ha annunciato lo "smantellamento" del gruppo, subito pubblicamente smentito dal collega catalano Joaquim Form, un 'falco' secessionista. La tregua scoppiata dopo la strage fra Madrid e Barcellona nella guerra sull'indipendenza della Catalogna potrebbe avere già le ore contate. La Rambla di Barcellona non si svuota, anzi. Migliaia di persone continuano a percorrere la passeggiata che conduce al porto, teatro di un attentato islamico, con 14 morti. Sono in centinaia a fermarsi davanti ai piccoli memoriali improvvisati, poco prima della teatro dell'Opera del Liceu, e a lasciare un messaggio di solidarietà, accanto a centinaia di candele. Nonostante ciò la tensione non cala: ad un certo punto vigilantes della metro particolarmente violenti ed aggressivi cacciano in malo modo due maghrebini dalle viscere della città accusandoli di furto, e minacciano gli operatori televisivi numerosi sulla Rambla. Qui non si filma. Ma siamo in uno spazio pubblico, anche se loro sembrano dimenticarlo. 'Non abbiamo paura' - Migliaia di cittadini si sono riuniti attorno a Re Felipe VI, al premier Mariano Rajoy e al presidente catalano Carles Puigdemont in Plaza Catalunya, cuore di Barcellona, per un minuto di silenzio in omaggio alle vittime dell'attentato di ieri. Dopo il minuto di silenzio la folla si è sciolta in un lungo applauso, fra grida di "No Tengo Miedo", "Non ho paura". La Spagna stringe le fila davanti all'attacco del terrorismo islamico. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha proclamato l'unità nazionale davanti alla minaccia jihadista. A Barcellona ha tenuto un vertice con il presidente catalano Carles Puigdemont. I due uomini - durissimi avversari sulla corsa della Catalogna verso l'indipendenza alla quale Puigdemont ha detto di non voler rinunciare - hanno promesso totale collaborazione sulla sicurezza e si sono stretti la mano ben tre volte, ha registrato la stampa spagnola. Domani Madrid deciderà se portare al livello 5, il più alto, l'allarme terrorismo, una misura che porterebbe anche l'esercito a difesa dei punti sensibili del Paese. Rimane elevato in Italia il livello di vigilanza con misure sul territorio rafforzate: è quanto ha deciso il Viminale dopo l'attentato di Barcellona. Intanto negli Stati Uniti si diffonde l'uso degli ultimi ritrovati hi-tech che potrebbero evitare o limitare gli attentati: dispositivi a microonde e laser sviluppati dall'esercito USA che bloccano i veicoli provocando un collasso elettronico. L'Isis ha rivendicato l'attentato di Barcellona attraverso la sua 'agenzia' Amaq, definendo gli attentatori "soldati dello Stato islamico". Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, pubblicando una immagine della rivendicazione in arabo.

Raggiungibile tramite queste reti

Rete echolink

 

numero nodo

 

591166

 

iw2ecm-r

Rete dmr Homebrew

regionale Lombardia tg 22221  

 

Rete Uno Fm

 

Area Milano

e Provincia

mhz:

144.750

simplex fm 

sabato 1 luglio 2017 

sono iniziate le trasmissioni sperimentali di 

"polfreccia" 

la web radio del gruppo polradio 

dell' AN Polizia di Stato

 

la trovi al seguente indirizzo:

www.radio1.cloud

 

(clicca sopra al logo polfreccia)

ATTENZIONE:  dal 1 marzo         nuovo indirizzo email:               info@polradio.it

Arrivederci a settembre con le prossime aperture della apertura della sezione ANPS III Reparto Mobile.                     Non si ferma l'attività della sala radio del Gruppo Polradio, collegati alla web radio (polfreccia) o alle reti radio del servizio di radioamatore (rete echolink, rete dmr e rete uno fm.

Tg ANSA,                                   le news della giornata

#esserci sempre

Media news review

Estate sicura: a Imperia controllo del territorio e consigli ai villeggianti.

Sono diverse le iniziative intraprese dalla Polizia per rendere le vacanze sicure sia nei luoghi di villeggiatura che nelle città rimaste semivuote. La questura di Imperia per il periodo di ferragosto oltre ad intensificare i controlli del territorio per prevenire i reati predatori, ha svolto con i suoi uomini un’attività di informazione nei luoghi turistici della costa distribuendo ai villeggianti una brochure con alcuni consigli per non rimanere vittime di episodi spiacevoli. (Video) Ad Imperia, come a Sanremo e a Ventimiglia, il dispositivo della polizia di stato ha visto impiegati 20 equipaggi, ulteriormente rafforzati da personale della Squadra mobile, della Squadra nautica, della divisione Polizia amministrativa e dell’ufficio immigrazione. I controlli, estesi anche alle zone della costa, sono stati caratterizzati dall’impiego degli acquascooter della squadra nautica che, ormai da settimane, garantisce quotidianamente un pattugliamento continuo via mare.

Brescia: fermata banda di specializzata in furti in appartamento.

Le indagini svolte dai poliziotti di Brescia e Milano hanno permesso di fermata una banda, composta da cinque albanesi, specializzata in furti in appartamento. Il gruppo criminale, che aveva la propria base operativa a Sesto San Giovanni (Milano), agiva in modo sistematico e continuativo, spostandosi in diverse province della Lombardia e del Piemonte. L’attività investigativa è stata avviata nei mesi scorsi dalla Squadra mobile di Brescia, dopo alcuni furti nei quali risultava coinvolta una potente autovettura marca Mercedes. Attraverso l’analisi delle telecamere di sorveglianza delle principali arterie provinciali, gli investigatori sono riusciti prima ad individuare l’auto – risultata rubata in Svizzera – e successivamente un box a Sesto San Giovanni, dove la banda, oltre a nascondere l’autovettura, aveva il deposito di diversi attrezzi per lo scasso e parte della refurtiva. Seguendo lo spostamento dei banditi, attraverso prolungati pedinamenti notturni, i poliziotti hanno acquisito in pochi giorni indizi del loro coinvolgimento in numerosi colpi. Gli agenti hanno documentato anche il furto in un appartamento dove la banda, approfittando dell’assenza dei proprietari, aveva smurato e asportato una cassaforte, il cui contenuto veniva poi smerciato presso un campo nomadi. Le perquisizioni, dopo il fermo dei cinque indagati, consentivano di recuperare parte della refurtiva di alcuni furti recenti, di sequestrare l’auto utilizzata per la commissione dei furti, di diversi attrezzi per lo scasso; presso l’abitazione di uno di loro è stata, poi, rinvenuta e sequestrata anche una pistola e 37 proiettili, risultati rubati nel corso di un furto commesso nei mesi scorsi in provincia di Bergamo

Tadeus va in pensione, le procedure per adottarlo.

Anche per Tadeus è arrivato il momento per andare in pensione dopo anni di onorato servizio a fianco dei poliziotti di Reggio Calabria. È un maschio di pastore tedesco del 2008, nero, non più idoneo a svolgere il suo lavoro da "poliziotto" per motivi di salute ed è per questo che viene congedato. Ma noi nutriamo insieme a lui la speranza che possa trovare presto qualcuno che voglia condividere il periodo della meritata pensione, anche perché ha un carattere docile e affettuoso. Per chi volesse adottare Tadeus queste sono le modalità e tutte le informazioni sul pastore tedesco sono riassunte nella scheda informativa.

ePaper
Condividi:

Le date delle donazioni di sangue di agosto.

L'Associazione donatori e volontari personale della Polizia di Stato organizza costantemente punti di raccolta di sangue in varie città italiane. Anche per il mese di agosto l’Associazione ha predisposto alcune date nelle città di Roma, Milano, Napoli, Imperia, Agrigento e Firenze, nelle quali tutti coloro che vorranno donare lo potranno fare attraverso i propri punti di raccolta. L'invito alla donazione è rivolto a tutti i cittadini in buona salute e di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Si ricorda che per donare il sangue è necessario avere un peso corporeo non inferiore ai 50 chili. È essenziale recarsi al prelievo a digiuno con l'eccezione di poter bere un caffè, un tè o un succo di frutta. Non è consentito ingerire latte e derivati. (Requisiti) Consultate la locandina nazionale per conoscere le date e le città dove è possibile donare.

ePaper
Condividi:

ePaper
Condividi:

immagini dal territorio:

RSS di - ANSA.it

Trovato il relitto della Uss Indianapolis, portò pezzi bomba Hiroshima FOTO (Sun, 20 Aug 2017)
Incrociatore affondato durante la II Guerra Mondiale dai giapponesi nel Pacifico
>> Continua a leggere

Buffon: 'Ben venga Var se ci dà sembianze sportivi' (Sun, 20 Aug 2017)
Portiere Juve dopo rigore-moviola: aiuta a non esacerbare animi
>> Continua a leggere

Gentiloni: ''Siamo al fianco di Barcellona'' (Sun, 20 Aug 2017)
Lo ha affermato il presidente del Consiglio aprendo il suo intervento al Meeting di Rimini
>> Continua a leggere

RSS di Lombardia - ANSA.it

Dal 21 agosto a Milano torna Area C (Sun, 20 Aug 2017)
In vigore di nuovo il ticket di ingresso per le auto in centro
>> Continua a leggere

Vivian Lamarque vince PontedilegnoPoesia (Sun, 20 Aug 2017)
Vince premio della giuria ed è più votata dal pubblico
>> Continua a leggere

Furioso dopo udienza, arrestato di nuovo (Sun, 20 Aug 2017)
Preso per furto aggredisce carabinieri uscendo dal Tribunale
>> Continua a leggere

meteo oggi 

meteo domani

Meteo Italia- Residuo maltempo al Nord, peggiora domani su Adriatiche e parte del Sud Il tutto accompagnato da un calo termico e ventilazione in rinforzo.

DOMENICA: il fronte scivolerà rapidamente verso la Grecia rinnovando instabilità tra Romagna e Marche, ma con tendenza a miglioramento entro la serata. Nubi e locali precipitazioni attese anche tra Abruzzo e Molise mentre nuvolosità irregolare transiterà sul resto del Sud con possibilità di fugaci fenomeni su Appennino e basso versante tirrenico. LUNEDÌ: il fronte lascerà in eredità un po' di variabilità al mattino tra medio adriatico e Meridione mentre qualche piovasco potrebbe interessare il Salento, Calabria (specie tirrenica) nonché Sicilia tirrenica e ionica. Bello altrove pur con nubi in arrivo la notte sulle Alpi.
Stampa Stampa | Mappa del sito
AN POLIZIA DI STATO GRUPPO POLRADIO - sede legale in via dell' Unione n°5 20122 Milano - sede operativa in via Cagni n° 21 20162 Milano